Ricerca e condivisione per il miglioramento costante

È stato da poco divulgato un approfondito studio sull’ottimizzazione dei riduttori a vite realizzato dal reparto R&D Varvel e lo Studio Tecnico Turci.

La ricerca di nuove soluzioni e del costante miglioramento della gamma è il principale punto di forza del Gruppo Varvel, realtà bolognese specializzata nei sistemi di trasmissione di potenza, che, dalla fondazione nel 1955, non ha mai smesso di innovare. Questo impegno è testimoniato dall’articolo “Stima dell’efficienza e ottimizzazione degli ingranaggi a vite” pubblicato in dicembre su “Organi di Trasmissione”, principale rivista del settore rivolta agli addetti ai lavori, firmato dai rappresentanti del reparto Ricerca e Sviluppo di Varvel e dello Studio Tecnico Turci.

L’articolo riporta i risultati di uno studio di approfondimento sulle performace dei riduttori a vite senza fine .

Sulla base di simulazioni e test a banco prova, sono state dettagliate le performance del prodotto e sono state descritte soluzioni per il miglioramento dell’efficienza di questi riduttori.

La ridotta efficienza è infatti l’aspetto critico dei riduttori a vite senza fine, che continuano però ad essere molto popolari grazie alla loro semplicità d’utilizzo e al costo contenuto.

“La condivisione dei risultati della ricerca è alla base del dialogo all’interno della comunità tecnico-scientifica della meccanica di precisione – commentano Francesco Berselli e Mauro Cominoli, rispettivamente Presidente e Direttore Generale del Gruppo Varvele permette di creare le basi per lo studio di soluzioni innovative utili a tutto il settore delle trasmissioni di potenza, a livello locale e internazionale. Inoltre, questo tipo di attività ci permette di stringere importanti collaborazioni con consulenti di grande valore come, in questo caso, lo Studio Turci.”

Sei un giornalista?

Se sei un giornalista e vuoi avere maggiori informazioni sul Gruppo Varvel, scrivi a marketing@varvel.com e ti forniremo le risposte e i materiali che cerchi!